Toscana – La nave dei due esodi

23.00 

Non era una nave grande, non era una nave veloce, non era una nave lussuosa, non è stata famosa per le sue caratteristiche, ed in definitiva non era neanche una bella nave. Eppure è parso opportuno dedicare un libro a questa nave che sarebbe rimasta del tutto “anonima” se non fosse stata coinvolta in eventi che hanno segnato la nostra storia e sui quali ancora oggi poco è stato scritto.

Descrizione

Non era una nave grande, non era una nave veloce, non era una nave lussuosa, non è stata famosa per le sue caratteristiche, ed in definitiva non era neanche una bella nave. Eppure è parso opportuno dedicare un libro a questa nave che sarebbe rimasta del tutto “anonima” se non fosse stata coinvolta in eventi che hanno segnato la nostra storia e sui quali ancora oggi poco è stato scritto. Il piroscafo Toscana fu costruito in Germania nel 1923 col nome Saarbrùcken ma per noi la sua storia comincia nel 1935, come trasporto truppe per l’avventura africana, continua con la guerra civile spagnola, l’occupazione dell’Albania e poi, come nave ospedale, con la tragica seconda guerra mondiale. Fra i pochi sopravvissuti alla guerra fu quindi coinvolto nei primi collegamenti con le Isole maggiori, con il rimpatrio di nostri prigionieri dal Nord Africa e con il drammatico esodo di Pola come conseguenza di un iniquo trattato di pace. Finalmente ripristinato al servizio civile e posto in linea regolare dal Lloyd Triestino fra Trieste e l’Australia il Toscana contribuì in modo determinante all’esodo di circa 22.000 Triestini e Giuliani verso quel grande e lontano paese.

Autore: Paolo Valenti
Edizioni: Luglio editore
Anno: 2009
Formato: 20×29 cm.
Pagine: 126
Numero illustrazioni: Oltre 200
Stampa interno: Bianco e nero, colore
Lingua: Italiano
ISBN: 88 89153 680

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Toscana – La nave dei due esodi”