Polska… rivemo!

Valutato 5.00 su 5 su base di 2 recensioni
(2 recensioni dei clienti)

10.00 

Premiato al Campidoglio a Roma con il secondo posto nazionale per la letteratura dialettale.

El viagio de sete muli in bici verso la Polonia, le maldobrie de do veci in osmiza e i pupoli de un cocal lole e una cornachia musona, ala scoperta del mondo. Tre storie diverse che se alterna e se inverigola su un fil condutor unico, quel che ne porterà su do riode de Trieste fin a Cracovia.

Descrizione

polska rivemo maldobriePremiato al Campidoglio a Roma con il secondo posto nazionale per la letteratura dialettale.
El viagio de sete muli triestini in bici verso la Polonia, tra s’cioche contro auti, clanfe, dormitori feminili, muleti fantasma, draghi bevandele e draculi in mudande.
Le maldobrie de do veci in osmiza, su pirati istriani, guere tra tacomachi e rane, furlani, tornei imperiali de sesa color e principesse marantighe.
I pupoli de un cocal lole e una cornachia musona, ala scoperta del mondo.
Tre storie diverse che se alterna e se inverigola su un fil condutor unico, quel che ne porterà su do riode de Trieste fin a Cracovia.

Il libro, scritto interamente in dialetto triestino, è diviso in tre sezioni che si alternano. La prima racconta il viaggio in bicicletta di sette ragazzi triestini da Trieste a Cracovia, in dodici tappe. Al termine di ogni tappa, due anziani triestini, ispirati dagli avvenimenti accaduti ai ragazzi durante la giornata, raccontano al lettore un aneddoto dei loro tempi, sul modello delle famose Maldobrie di Carpinteri & Faraguna. Questa doppia linea di narrazione permette al libro di presentare due tipi di dialetto, uno “più giovane”, usato nel ciclodiario in prima persona, e uno più “anziano”, usato nel raccontare gli aneddoti degli anziani in forma di dialogo. Uno degli obbiettivi del libro è infatti quello di voler illustrare l’evoluzione del dialetto triestino tra le diverse fasce di età della popolazione. Una terza parte è dedicata al fumetto, e vede protagonisti un gabbiano e una cornacchia che, parlandosi in dialetto, intervalleranno la narrazione con goffi tentativi di furto di cibo ai danni dei due anziani, usando nel loro vocabolario espressioni e modi di dire tipici della tradizione triestina.

Polska… rivemo si trova anche in ebook su amazon.

Il booktrailer:

Una maldobria in anteprima:

Gli autori:
Diego Manna
– triestino nato il 4 marzo 1979, laureato in scienze biologiche, indirizzo etologia. La sua curiosità per il comportamento animale sfocia dal 2009 nella pubblicazione di una serie di finti saggi scientifici sulla cultura triestina, la trilogia Monon Behavior.
Educatore ambientale nell’Area Marina Protetta di Miramare e nella Riserva Naturale della Valle Cavanata, fa dell’ecologia e della decrescita felice la sua filosofia di vita.
Folgorato da “Tre uomini in bicicletta” di Paolo Rumiz, scopre la passione per i viaggi in bici e timbra il cartellino a Praga, Berlino, Monaco, Budapest e Cracovia. Dagli ultimi due viaggi, in combutta con Michele Zazzara, sono nati due libri in dialetto triestino, Zinque bici, do veci e una galina con do teste e Polska… rivemo!, in cui le tappe del diario ciclistico si fondono e si intrecciano con altrettanti racconti “da osteria”.
Cerca di trasmettere entusiasmo e morbìn alla propria città collaborando da anni con il sito web di informazione locale partecipata bora.la, e organizzando l’Olimpiade delle Clanfe e la Rampigada Santa, una gara ciclopodistica sulla salita più impegnativa di Trieste, Scala Santa.

Michele Zazzara – nato nel 1983, laureato al DAMS di Gorizia, indirizzo cinema, diplomato come tecnico grafico al CSG di Udine, è precario da sempre e salta di lavoro in lavoro, dallo studio grafico al commesso nei negozi. Fortunatamente trova spazio anche per le sue passioni: la musica, grazie alla quale ha girato tutta l’italia con i progetti Trabant e The Mothership; il dialetto triestino e soprattutto la bicicletta. Grazie a quest’ultima e alla sua amicizia con Diego Manna, nascono Zinque bici do veci e una galina con do teste e Polska… rivemo!, due libri in dialetto che raccontano i viaggi fatti da Trieste a Budapest e da Trieste a Cracovia.
Crede fermamente nelle monade e nel non prendersi troppo sul serio, un modo di essere tipicamente triestino.

Lettori: la particolare composizione del libro lo rende adatto a un pubblico molto trasversale, intersecando tutte le fasce di età. Il libro segue la pubblicazione di “Zinque bici, do veci e una galina con do teste”, degli stessi autori, che al momento ha venduto 1.200 copie in meno di un anno. Diego Manna e Michele Zazzara hanno inoltre già collaborato assieme nella pubblicazione dei tre libri della serie “Monon Behavior”, legati alla cultura ed alle tradizioni triestine, che hanno venduto in totale, ad oggi, 10.000 copie.

Autori: Diego Manna e Michele Zazzara
Editore: Nativi
Pagine: 218

Il blog Monon Behavior, degli autori del libro

2 recensioni per Polska… rivemo!

  1. Valutato 5 su 5

    Fede

    me ga ricordà tanto le storie che me contava mio nono de picia, tra ridade e emozion. xe sempre bel leger el dialeto!

  2. Valutato 5 su 5

    Giulia

    de morir de rider dal’inizio ala fine… ma anche tante bele aventure e più de qualche toco che va decisamente più in profondità. bel bel bel.

Aggiungi una recensione