La divina comedia – l’inferno

17.50 

Dante Alighieri iera de Firenze e 'l parlava Fiorentin ma, durante l'esilio – perchè Dante, no so se savè, i lo gaveva esilià de Firenze – el iera sta' un bon toco ospite dei Signori de Duin, e là el gaveva 'vù ocasion de impararse el Triestin; e 'l lo gaveva imparà tanto ben, ma tanto ben ch'el se gaveva fina messo a scriver in poisia in Triestin: che difati, come che tuti sa, in Triestin, po, el ga scrito la Divina Comedia.

Descrizione

Dante Alighieri iera de Firenze e ‘l parlava Fiorentin ma, durante l’esilio – perchè Dante, no so se savè, i lo gaveva esilià de Firenze – el iera sta’ un bon toco ospite dei Signori de Duin, e là el gaveva ‘vù ocasion de impararse el Triestin; e ‘l lo gaveva imparà tanto ben, ma tanto ben ch’el se gaveva fina messo a scriver in poisia in Triestin: che difati, come che tuti sa, in Triestin, po, el ga scrito la Divina Comedia. Su ‘sta Divina Comedia tanto se ga parlà e tanti xe stai nei secoli i comenti (l’Assaibon, i Comenti del Butich, del Tiraca, del Del Longo, i Antichi Comenti Taliani…), ma solo adesso un – un sclebez qualunque che no merita gnanca nominar – se ga insognà de farghene una traduzion in Toscan, sostignindo che, se Dante gavessi scrito la Divina Comedia in Toscan (visto che de sicuro el iera bon de scriver anche in Toscan), la gaveria scrita proprio cussì. Eco, alora noi, adesso, vizin a la version imortal del grando poema – visto che xe sempre de più la gente ignorante che se ga dimenticà el Triestin, o che lo parla a stento o malamente – presentemo ‘sta spece de traduzion in Toscan che, ben o mal, tira para mola, xe diventà in ‘sti ultimi secoli quela lingua che in Italia tuti quanti parla; e alora…

Autore: Nereo Zeper
Edizioni: Mgs Press
Pagine: 216
ISBN: 978-88-86424-61-5

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La divina comedia – l’inferno”