Se improvvisamente il treno si fermasse a Maglern

Se improvvisamente il treno si fermasse a Maglern

10.00 

Autore: Kenka Lekovich
Editore: Alpha Beta Verlag
Anno: 2010
Pagine: 90
ISBN 9788872231500

Descrizione prodotto

Se improvvisamente il treno si fermasse a Maglern
Se improvvisamente il treno si fermasse a Maglern
12 racconti di confine più uno
di Kenka Lekovich

Il pretesto narrativo che introduce e innesca questi racconti di confine è l’assidua frequentazione di un treno – precisamente l’Eurocity Roma-Vienna, sul tratto che da Udine conduce a Bruck an der Mur – da parte dell’alter ego della scrittrice: “tale Barbara Batos di professione romanziera”, la quale incontra sul convoglio tutta una serie di passeggeri/personaggi che costituiranno, brano dopo brano, le voci narranti del testo.
[…] Più di due mesi ho viaggiato in balia degli umori, lo si può ben dire, dell’Eurocity Roma-Vienna, ogni volta arrivando a destinazione con il dubbio se avevo viaggiato oppure se avevo soltanto immaginato di viaggiare. I biglietti che per fortuna ho conservato, usandoli come segnalibri, confermano che ho viaggiato, che su quel treno, in quel dato giorno, a quelle date ore, io definitivamente ero stata. Io. Ma Bettina? Òblak? Hannes? Ina? Marilena? Erano davvero su quel treno? Ho davvero visto Marilena scendere a Pontebba e dileguarsi come un vapore sull’acqua?Non ho mai trovato il biglietto di Marilena o il biglietto di Bettina, né sono riuscita a trovare quello di Hannes, di Ina e di Òblak. Non vedo perché avrei dovuto: ognuno di loro, com’è logico, è sceso dal treno portando con sé il proprio biglietto. Non ho pertanto nessuna prova dell’esistenza di Òblak e di Bettina, di Marilena, di Hannes e di Ina […].

L’autrice Kenka Lekovich è nata a Fiume. Nel 1995 ha pubblicato con Marsilio “La strage degli anatroccoli”, il suo primo romanzo. E in seguito racconti, poesie, sceneggiati radiofonici e il libretto per l’opera “An index of metals” del compositore Fausto Romitelli. Ha partecipato, per Graz capitale europea della cultura 2003, ai progetti letterari “Die poetik der grenze” e “Translokal projekt”. Nel 2004 è stata per un anno “scrittrice della città di Graz”. Nel 2006 è uscita in tedesco l’antologia “I speak gulasch und andere texte”, presentata alla fiera del libro di Francoforte. Ha ricevuto il “Premio degli editori del centro Europa”. Vive a Trieste

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Se improvvisamente il treno si fermasse a Maglern”