Corazzata Roma. Destinazione finale.

18.00 

Autore: Ugo Gerini
Anno: 2015
Formato: 19×27 cm.
Pagine: 154
Numero illustrazioni: 140
Stampa interno: Colore
Copertina: brossura con alette

Descrizione

La corazzata Roma è stata costruita a Trieste al Cantiere San Marco: impostata il 18 settembre 1938 durante la visita di Benito Mussolini alla città, è stata varata il 9 giugno 1940 alla vigilia della dichiarazione di guerra e proseguì l’allestimento negli stabilimenti dei Cantieri Riuniti dell’Alto Adriatico.
Entrò in servizio solo il 14 giugno 1942 senza partecipare mai ad alcuna missione bellica. Nelle prime ore del 9 settembre 1943, quelle che immediatamente seguirono l’armistizio, mosse da La Spezia issando le insegne dell’Ammiraglio in Capo Carlo Bergamini. Obiettivo: impedirne la cattura da parte dei tedeschi.
Giunta nel Golfo dell’Asinara, con l’arcipelago della Maddalena già occupato dalla Wermacht, venne attaccata da aerei germanici che impiegarono per la prima volta le terribili bombe “Fritz”. Fu vista affondare spezzata in due tronconi.
Da quel momento, erano circa le ore 16 del 9 settembre 1943, della nave Roma si persero le tracce. Il relitto è stato cercato per 69 anni senza successo a causa dell’estrema irregolarità del fondale che, ricco di rocce basaltiche e di canyon abissali, ha tratto in inganno i pur sofisticati sistemi di ricerca in dotazione alla nostra Marina e ad altri gruppi privati che ne avevano tentato il ritrovamento.
Ma l’ingegner Guido Gay, inventore di ROV, grazie alla sua incrollabile determinazione ed al robot subacqueo “Pluto Palla”, l’ha ritrovata il 17 giugno 2012 nel canyon di Castel Sardo nel Golfo dell’Asinara.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Corazzata Roma. Destinazione finale.”