C’era una volta al “Nautico”

12.00 

Divagazioni comparate con un nipote immaginario sull’antica Scuola Nautica Triestina

Descrizione

La storia di un vecchio capitano che nella sua solitudine passa il tempo libero nel giardino sotto l’Istituto Nautico in cui aveva studiato. Il suo dialogo muto con l’edificio viene interrotto da un ragazzino, condizionato dalle consuetudini di una famiglia “moderna”. Alla ricerca di una regola sociale cui affidarsi, attraverso l’anziano comincia a capire da dove si viene e dove si dovrebbe andare. Conosce il valore storico del posto in cui si trovano e l’importanza di quella istituzione scolastica attraverso i secoli. Le vicende della scuola si alternano con quelle storiche lungo un itinerario di un mondo scomparso attualmente negletto per aspirazioni più venali. Lo stupore di conoscere gli episodi storici avvenuti in quei pressi, i personaggi e le trasformazioni della piazza, centro culturale cittadino, che i vecchi rionali chiamavano “piazza dei studi” anziché “piazza Lipsia”. Paraggi abitati da “Fouché”, da “Hortis” e frequentati quotidianamente da “Massimiliano d’Asburgo”, prima della sua partenza per il Messico. Un mondo svelato da un nonno fittizio secondo una regola naturale che assegnava ai vecchi il compito di raccontare ai piccoli il passato che altrimenti sarebbe andato perduto. Una complicità sviluppata in quel singolare sodalizio che un tempo si formava tra nonno e nipoti e per i bambini indispensabile arricchimento di nozioni fondamentali seppure non scritte.

Autore: Francesco Hlavaty
Edizioni: Luglio editore
Anno: 2009
Formato: 14×21 cm.
Pagine: 118
Stampa interno: Bianco e nero
Lingua: Italiano
ISBN: 88 89153 666

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “C’era una volta al “Nautico””