1915-1918 la liberazione italiana di Gorizia, Trieste e Trento

Valutato 3.00 su 5 su base di 1 recensioni
(1 recensione del cliente)

36.00 

Frutto di un lungo e paziente lavoro di ricerca, questo volume si propone di mettere in evidenza, in ordine cronologico, da un lato gli estenuanti anni di guerra, che logorarono l’Esercito italiano e quello austroungarico, dall’altro la grandezza ed il valore dimostrati dai soldati italiani, che si sacrificarono prima sulle alture del Carso e sulle sponde dell’Isonzo per poi portarsi sulla linea del Tagliamento ed infine su quella del Piave, dove fu raggiunta la tanto agognata Vittoria.

Descrizione

Nel 2008 ricorre il 90 anniversario della conclusione della Prima Guerra Mondiale. Il conflitto conosciuto anche come la IV Guerra d’Indipendenza portò a conclusione l’unificazione d’Italia con la liberazione della Venezia Giulia e per tre lunghi anni si svolse sull’infuocato settore Carso-Isonzo. Frutto di un lungo e paziente lavoro di ricerca, questo volume si propone di mettere in evidenza, in ordine cronologico, da un lato gli estenuanti anni di guerra, che logorarono l’Esercito italiano e quello austroungarico, dall’altro la grandezza ed il valore dimostrati dai soldati italiani, che si sacrificarono prima sulle alture del Carso e sulle sponde dell’Isonzo per poi portarsi sulla linea del Tagliamento ed infine su quella del Piave, dove fu raggiunta la tanto agognata Vittoria. Sono presenti i Reggimenti di tutte le Armi italiane, anche se, grazie al vasto materiale fotografico reperito, è stato dato ampio spazio alla Fanteria, da sempre la regina dell’Esercito. Accanto alla sezione iconografica è stata inserita quella medaglistica.

Autore: Giorgio Geromet
Edizioni: Luglio editore
Anno: 2008
Formato: 20×29 cm.
Pagine: 422
Numero illustrazioni: oltre 800
Stampa interno: bianco e nero, colore
Lingua: italiano
ISBN: 88 89153 406

1 recensione per 1915-1918 la liberazione italiana di Gorizia, Trieste e Trento

  1. Valutato 3 su 5

    memts

    libro interessante, anche se sull’uso del termine “liberazione” ci sarebbe da dire qualcosa…

Aggiungi una recensione